sabato 29 novembre 2014

Intervista a Stefania D' Alessandro

Nella splendida cornice del golfo di Napoli domenica 23 Novembre ho avuto la possibilità di conoscere Stefania D'Alessandro.
Per chi è amante come me di cosmetica e di make up e per chi è del settore, lei è un punto di riferimento e la fama del suo marchio omonimo la precede.
Nonostante questo però mi sembra giusto riportarvi alcune righe di presentazione :)

"Stefania D’Alessandro nasce a Roma, studia arte, affronta il mondo del trucco per lo spettacolo formandosi in maniera completamente autodidatta su esperienza diretta, affiancando studi di cosmetologia e chimica ad approfondimenti di disegno, pittura e modellato.
Si perfeziona nella realizzazione del trucco teatrale, pittorico, body art e negli effetti speciali di trucco, affinando le tecniche della lavorazione del lattice per il trucco protesico.
Convinta sostenitrice della riqualificazione della categoria del truccatore, si oppone all’assoluta improvvisazione nel campo del make-up, affermando un’impostazione estremamente professionale per il suo lavoro e per la sua organizzazione.
Ideatrice della “Stefania D’Alessandro Make-up Srl”, forma e gestisce truccatori e acconciatori nei i vari settori dello spettacolo. Innumerevoli i lavori firmati da Stefania D’Alessandro e dal suo gruppo in diciassette anni di attività: foto, televisione, pubblicità, comunicazione, teatro, moda, cinema.
Stefania D’Alessandro è la sintesi tra gli opposti: espressione artistica e istinto imprenditoriale. Un connubio tra astratto e concreto, dove lo stimolo innato per la comunicazione attraverso l’immagine si materializza a livello organizzativo e manageriale"

Molte immagini dei suoi lavori vengono continuamente rubati per ricreare locandine o per promuovere indebitamente attività e corsi improvvisati.



Era in pieno svolgimento la lezione sul trucco sposa facente parte del corso di trucco estetico appena conclusosi a Napoli.

Ph: Lisa Russo


Per completezza sulle date e le città dei corsi vi rimando al sito ufficiale http://www.sdmakeup.com/.

Ph: Lisa Russo

Vederla all' opera mi ha entusiasmato, tutti i passaggi erano fluidi e puliti. Inoltre proprio come mi avevate fatto notare voi in alcuni commenti del precedente articolo trasmette tanta tranquillità. Conoscerla mi ha ispirato una frase che ho postato anche sul mio facebook personale: "La professionalità è come l'eleganza: una dote innata."

Ph: Lisa Russo
Ph: Lisa Russo

Ph: Lisa Russo

Ho provato con mano la splendida matita labbra RED e ho lasciato gli occhi su molti ombretti tra cui gli orange e soft orange, bellissimi da utilizzare anche come blush!



Vi confesso che all' inizio ero tesa; la sua precisione e la sua preparazione possono in qualche occasione farla sembrare severa ma mi sono sciolta appena l'ho vista giocare con Pongo.
Pongo , il suo splendido bulldog francese :)

Instagram media stefaniadalessandromakeup - Sabato ore 6.00... Allora che si fa? Eh? Si gioca? Eh? Si esce? Eh? Allora?  Eh? #pongo #puppy #puppies #cane #cucciolo #dog #bulldogfrancese

Ho tenuto conto di tutte le domande che mi avete suggerito sia tramite il blog sia tramite email :)
Se ancora non lo avete fatto però date un' occhiata al blog ufficiale http://makeupartistgiorgia.blogspot.it/ , ci sono tante chicche e step by step per provare a  realizzare alcuni lavori Stefania D' Alessandro.
Ho scelto di non farle "domande di rito" riguardo la sua passione o riguardo l' Academy; la mia prima domanda ha riguardato la cosmesi viso.

Sei un' autodidatta ed hai introdotto la figura del truccatore come esperto del settore a 360°, come mai non hai pensato ancora ad una tua linea skincare?
Ci ho pensato ed è in programmazione. Non è mai stata una mia priorità ;dopo anni di esperienza e didattica desidero realizzare pochi prodotti ma di eccellente qualità. La linea sarà composta di latte detergente, tonico, contorno occhi e crema viso. Pensata per i pro ma aperta al pubblico sull' e-commerce.

Io produco cosmetici fatti in casa ad uso personale, cosa pensi del fai da te?
L'importante è che sia ad uso personale e che ci sia una forte preparazione chimica e cosmetologica. La passione di base dovrà spingere ad una cultura e ad un aggiornamento continuo. Troppe volte però vedo violate le più semplici norme di igiene in materia di sicurezza. Pensa che i miei laboratori sono di una estensione superficiale elevata per permettere ad ogni passo della catena di produzione un settore a sè con severi controlli di qualità e studi di ricerca & sviluppo .Sul web ci si imbatte spesso in tutorial diseducativi con tanto di manomissione del packaging o scorretto utilizzo delle materie prime. I prodotti finiti dovrebbero essere testati su un campione di almeno 2000 persone e di varia etnia. Io stessa testo i miei prodotti su di me per più di sei mesi.

In questo momento stai indossando un prodotto nuovo?
Si, in anteprima ti mostro il nuovo eyeliner SD a pennarello semipermanente. Sarà resistente all'acqua ma eliminabile con semplice struccante. In formula liquida è facile da applicare, intensifica lo sguardo rendendolo anche più luminoso. Ipoallergenico, conterrà come in molti dei miei prodotti il conservante alimentare acido sorbico. Sarà disponibile in primavera 2015.

Tempo fa lessi in una tua intervista su un giornale internazionale che durante i primissimi corsi della tua Scuola utilizzavi i prodotti del makeup artist americano Joe Blasco. E' stata anche questa una scelta innovativa e sicuramente la meno scontata, sarei curiosa di sapere qual è la caratteristica che ti ha portato a sceglierli e se è la stessa che hai cercato di riproporre nella tua linea.
Joe Blasco è stato una fonte di ispirazione per me. Avevo poco più di vent' anni e ancora non si era nemmeno diffuso l'utilizzo delle make up station. Ero praticamente una delle poche a girare con questo materiale in macchina per raggiungere clienti e luoghi di lavoro :)
Mi riconoscevo nel suo amore per la trasformazione completa di un soggetto: makeup, acconciatura, bodypainting...
Sono sempre stata attenta all' igiene, non vi era ancora una regolamentazione così ferrea come oggi l' INCI europeo riguardo i prodotti. I prodotti di Joe sono stati i primi a non utilizzare l'ingrediente comedogeno isopropyl myristate e a seguire quella che oggi è la normativa internazionale FDA-CTFA.

Faccio parte del gruppo su facebook stefania d'alessandro make-up community e ho letto la tua opinione e l'attenta spiegazione relativa al marketing ingannevole dei primer viso. Quali altri prodotti ci consigli di non tenere in considerazione?
Sono numerosi, sicuramente tra le ultime mode del momento citerei le bb cream e le cc cream. Possono considerarsi dei semplici fondotinta fluidi, pieni di acqua che impura la formulazione lasciando poco spazio agli attivi di una bb cream che dovrebbe essere multifunzione: antiaging, protezione solare, schiarimento delle macchie brune, minimizzazione dei pori...
Se un ingrediente è presente in percentuale maggiore del 3% all'interno di una formulazione può essere legalmente segnalato dal produttore come principio attivo e questo apre le porte alle mille promesse pubblicitarie.

Ti riporto alcune domande che mi sono arrivate per te dai lettori del mio blog. Inizio da una email che mi è arrivata da parte di un ragazzo (iniziali del nome B.U.) che ti chiede se secondo te il make up sarà sdoganato in maniera definitiva anche per i ragazzi nella vita di tutti i giorni. Lui soffre di occhiaie e spesso ha vergogna di applicare il correttore.
Sicuramente si. Ti consiglio di applicare un fondotinta compatto anzichè un correttore. Sarà più semplice sfumarlo e rendere il risultato più naturale.
Un aneddoto divertente o una richiesta particolare durante un lavoro?
Ho tanti bei ricordi, alcuni legati ai vips di cui sono curatrice per l'immagine personale da decenni, come ad esempio Fiorello, ma ho difficoltà in questo momento a ricordarne uno in particolare. La richiesta più strana che mi sovviene è stata quella di una sposa che si è presentata con la foto di Naomi Campbell per esserle identica. Partivamo da una carnagione chiarissima e da tratti somatici troppo diversi per accontentarla.
Quali sono gli errori più frequenti che commettono le donne nel make up?
In genere non giudico i lavori degli altri. Già in  campo professionale ho quest' attitudine, a maggior ragione nella vita quotidiana capisco che ognuna di noi non abbia il tempo necessario per riuscire perfettamente nel makeup. Io stessa molte volte faccio dei ritocchini in macchina, o per lavoro mi sveglio all'alba e magari sono in hotel dove le luci sfalsano i colori e le quantità applicate. Sicuramente noto che si dà più importanza al make up occhi che alla base. Il nostro viso è come la tela di un dipinto, deve essere perfetta prima di iniziarvi un lavoro. Avere tanta cura della nostra pelle, una pulizia del viso costante e struccarla e tonificarla sempre prima di iniziare un makeup.
Un altro punto di debolezza sono i ritocchi alle sopracciglia. Veniamo da un' epoca in cui si portavano sottilissime, ora invece folte e naturali.

Molti mi hanno scritto semplicemente per farti i loro complimenti. Io ti ringrazio davvero molte e visto che alcuni lettori sono aspiranti truccatori se mi permetti vorrei riportare in questa intervista la tua spiegazione riguardo l'abilitazione dei corsi professionali make up.

"I miei corsi non danno nessuna abilitazione come nessun altro corso, Compresi quelli regionali.
per fare il truccatore NON E' RICHIESTA ALCUNA ABILITAZIONE NE AUTORIZZAZIONE a livello nazionale ed internazionale, chi dice il contrario è ovviamente in malafede o poco informato legalmente.
il riconoscimento più importante è quello dato dai miei allievi, riconoscenti dell'onestà e professionalità con cui conduco il mio insegnamento.
stefania d'alessandro"


Ph: Lisa Russo http://www.facebook.com/lisaprettywoman

4 commenti:

thanks for your comments ♥

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Printfriendly

Cerca nel blog